Ape sociale: requisiti e importo minimo da versare

Ape social

La pensione anticipata è accordata solamente se vengono rispettate delle condizioni, prestabilite nel testo legislativo italiano. In determinati casi la normativa in vigore contempla pure cospicui anticipi, ma è imprescindibile il possesso di precisi requisiti anagrafici e contributivi.

Ape sociale: che cos’è, anni di anzianità

L’ape sociale rappresenta un sussidio economico introdotto dalla legge di bilancio 2017 che accompagna il lavoratore al conseguimento della pensione di vecchiaia nel regime pubblico obbligatorio. Dal 1° maggio 2017 alcune categorie meritevoli di particolare tutela, possono averne diritto a condizione di avere compiuto i 63 anni, unitamente ad almeno 30 o 36 anni di anzianità contributiva. 

I 30 anni di contributi sono richiesti a lavoratori:

  • dipendenti disoccupati che abbiano finito da almeno 3 mesi di beneficiare dell’intera indennità mensile di disoccupazione (NASpI) spettante
  • invalidi civili con grado pari o superiore al 74%
  • caregiver che assistono da almeno 6 mesi familiari con grave disabilità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. 

I 36 anni di contributi sono richiesti per l’accesso alla pensione con ape sociale ai lavoratori che abbiano svolto mansioni gravose e/o usuranti negli ultimi dieci anni. L’ape volontario dà modo di ricevere un assegno prima della pensione. Si tratta di un prestito erogato dalle banche. Gli interessati hanno facoltà di presentarne domanda per un massimo di 36 mesi. In altre parole, è permesso smettere di lavorare 3 anni prima.

L’importo minimo da versare

È concesso a chi ha almeno 20 anni di contributi versati. Mentre si percepisce la somma è comunque consentito esercitare la professione. L’importo minimo è di 150 euro, quello massimo va dal 75% al 90% dell’assegno pensionistico maturato a seconda del numero di mesi per cui viene richiesto. Il prestito viene erogato in 12 rate mensili, e sarà restituito con trattenute sulla futura pensione.   

Looks like you have blocked notifications!

CCSNews è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Circa l'autore

Giornalista pubblicista, laureato in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Bergamo nel 2013, con la tesi “L’evoluzione del marketing nel calcio inglese e tedesco: due sistemi a confronto” (relatore Alberto Marino, interventi di Marcel Vulpis, Christian Giordano, Gianfranco Teotino e Gianni Di Marzio). La tesi è poi confluita nella biblioteca Gea World
Dal 2018 al 2019 curatore web per l’Avv. Stefania Calì, specializzata nel diritto di famiglia.